Marotta: "Icardi? È tutto ok C’è la volontà di rinnovare"
01/14/2019
Lautaro, un Toro a San Siro Cinque gol nel "suo" stadio
01/14/2019

Milik il bello di notte, anche se è il primo a schermirsi: “Contro il Sassuolo non è stata la mia gara migliore. Del resto quando torni dalla sosta non puoi essere subito al massimo”. Eccolo Arek, che con il suo primo gol in Coppa Italia è salito a quota 11 reti (10 in campionato) diventando il capocannoniere del Napoli. La Juve è lontana in campionato ed ecco che l’obiettivo coppe diventa più stimolante per gli azzurri: “Siamo usciti dalla Champions, però vogliamo provare a regalare una gioia ai nostri tifosi in Coppa Italia, in Europa League e anche in campionato perché no. Ora concentriamoci sulla Lazio, poi penseremo al doppio confronto col Milan, sarà bello giocare due gare contro una squadra forte in trasferta, in Coppa vogliamo arrivare fino in fondo”.
tridente da sogno — Sette gol nelle ultime sette presenze, Milik sta diventando sempre più importante, come conferma Ancelotti: “Se ha giocato meno nel girone d’andata è perché veniva da quasi due anni di inattività, ma la sua risposta è stata eccellente”, ha sottolineato il tecnico. E Arek ora sogna anche di giocare in un tridente d’eccellenza, col recupero di Mertens: “Non abbiamo titolari in questo periodo, ma tanti giocatori forti davanti, ci sono tante partite e giochiamo tutti. Abbiamo tanta qualità, Lorenzo Insigne è forte e si trova bene anche a sinistra, possiamo giocare anche tutti e tre insieme lì davanti: io, Dries e Lorenzo”.